Riba II l’orso robot di Riken

E’ noto che due delle grandi passioni dei giapponesi sono i robot ed i manga, e che il popolo  giapponese è il più longevo del mondo, con una crescente quota di popolazione anziana di cui prendersi cura.

Tutto questo si combina in Riba II, il nuovo robot per l’assistenza geriatrica sviluppato dell’istituto di ricerca Riken, il cui aspetto è volutamente quello di un orsetto da fumetti o cartoni animati, che in Giappone sono onnipresenti come il prezzemolo, anche in contesti molto seri.

Dotato di tre sensori tattili Smart Rubber, e di nuovi attuatori che permettono movimenti rapidi e precisi, Riba II è in grado di combinare forza e gentilezza per sostenere e sollevare i suoi pazienti, senza essere brusco od approssimativo, evitando dolori di schiena.

Un meccanismo di feed-back tra sensori ed attuatori consente di ricalibrare ad ogni istante la forza necessaria, e solo quella necessaria per l’esecuzione del suo compito, che consiste principalmente nel trasferire pazienti dal letto alla sedia a rotelle, e viceversa..

Anche se più leggero dei suoi predecessori, pesa comunque 140 kg, ha una base ridotta  ed è dotato di gambe retrattili per equilibrarsi durante lo spostamento della persona di cui è in cura.

Purtroppo per i pazienti giapponesi, Riba II non è ancora attivo negli ospedali o nelle case di cura del Sol Levante, ma Toshiharu Mukai, capo del team di ricerca sui sistemi di sensori robotici, è fiducioso che ” questo robot porterà a progressi nella cura degli anziani, alleviando il carico di lavoro degli addetti. Intendiamo continuare questa ricerca per sviluppare robot capaci di offrire un aiuto energico ma con tocco gentile alle persone non autosufficienti.”

Un pensiero su “Riba II l’orso robot di Riken

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>