Paro, il robot terapeutico

PARO, un robot interattivo sviluppato da AIST, un’azienda giapponese leader nel campo dell’automazione industriale, ha le sembianze e la voce di un cucciolo di foca arpa.

Paro ha cinque tipi di sensori: tattili, luminosi, audio, temperatura e posizione, con cui è in grado di interagire con le persone e l’ambiente. Paro riconosce la luce e buio, ha la percezione di essere accarezzato grazie al sensore tattile e avverte di essere tenuto in braccio grazie al sensore posizionale. Paro è anche in grado di riconoscere la direzione della voce e alcune parole che gli vengono rivolte, come il suo nome, grazie al suo sensore audio.

Paro impara a comportarsi in modo da adattarsi al suo proprietario e ad assecondarlo nelle sue preferenze. Ad esempio, ogni volta che viene accarezzato, Paro si ricorderà dell’ultima volta e tenterà di assumere il comportamento più adatto per ottenere la sua approvazione, muoverà la testa e le gambe, emetterà suoni come se fosse vivo.

Un pensiero su “Paro, il robot terapeutico

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>